Virginia Raggi in procura per dichiarazioni spontanee sulle nomine

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, si è recata oggi in procura per dichiarazioni spontanee ai pm che indagano sulle nomine di Romeo e Marra

Il sindaco di Roma – indagato per abuso d’ufficio per la nomina di Salvatore Romeo a capo della sua segreteria politica e per falso per la scelta di Renato Marra a capo del dipartimento Turismo del Comune – ha deciso di andare a piazzale Clodio per rilasciare delle dichiarazoni spontanee.

Secondo la procura di Roma la Raggi avrebbe consentito a Salvatore Romeo di vedersi triplicato lo stipendio, da 39 mila euro lordi l’anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l’intervento dell’Autorità nazionale anticorruzione. Per quanto riguarda, invece, la nomina del vigile urbano Renato Marra la prima cittadina è sotto indagine per aver dichiarato che aveva deciso lei da sola ogni dettaglio di tale scelta, senza consultare l’allora capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, fratello di Renato. Circostanza palesemente smentita dalle chat, agli atti dell’inchiesta.

CLICCA QUI PER RICHIEDERE UN PRESTITO AGEVOLATO